Longiano

Alcol e candeggina in pasti hotel

Cibi destinati ai clienti contaminati da candeggina e alcol. A sventare il 'sabotaggio' in un albergo di Miramare di Rimini sono stati i titolari della struttura grazie alle segnalazioni degli stessi clienti e a controlli accurati. Ma ora - riporta la stampa locale - è caccia al misterioso 'avvelenatore'. L'autore del gesto, su cui indagano i Carabinieri, configura l'ipotesi di avvelenamento di acque o sostanze alimentari, una fattispecie di reato per si rischia fino a 15 anni di carcere. Il primo caso risale al 22 agosto quando i clienti, avvicinandosi al buffet, hanno percepito un forte odore di alcol e hanno avvisato i titolari. Il giorno successivo, invece, è stato il cuoco della struttura ad accorgersi che nei bollitori, sui fornelli, era stata versata della candeggina. A quel punto, la chiamata ai Carabinieri che hanno sequestrato cibi e contenitori contaminati. Saranno le analisi dei tecnici dell'Ausl ad accertare quali sostanze siano state versate nei pasti.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie